Il decalogo della cena con gli amici

Cene Amici

1. Chi organizza sceglie chi invitare
Non è tirannia, è che chi organizza ha la responsabilità di aggiornare tutti, di far funzionare la cena, e tra gli invitati, soprattutto quando sono molti, c’è sempre qualche imprevisto, qualcuno che alla fine non può venire o altro. E se si è in 10 e poi ci si ritrova in 40 perchè i 10 invitano una o due persone a testa, e alla fine ci si ritrova in 25 perchè dei 40, 15 hanno avuto impicci, quello che ci va di mezzo è l’organizzatore.

2. Chi organizza sceglie il posto
La democrazia è una bella cosa, si può discutere del posto, ma alla fine l’organizzatore sceglie e basta. Non che qualcuno poi fa cambiare a tutti il posto oppure minaccia di non venire perchè magari si è pochi e togliere una persona fa leva.

3. Se non sei invitato non è che l’organizzatore ti odia
Ma è mai possibile che finisca sempre sul personale? Se sei una persona con cui esco tutti i giorni capisco anche, ma se ti vedo ogni tanto perchè ti devo invitare a una cena? Con tutti i problemi che comporta, poi. Nel senso, possibile che se uno fa una cena deve per forza INVITARE TUTTI??? E beccarsi le pippe di tutti, tra l’altro

4. Qualunque problema va esposto col possibile anticipo
Ogni volta è la stessa menata: qualcuno che crea problemi sul ristorante, sull’orario, che invita gente e che ha problemi a spostarsi l’ultimo giorno, dopo che magari tu organizzi la cena da un paio di settimane. Enno cazzo, se hai dei problemi l’ultimo giorno non venire, e sei comunque un pezzo di merda

5. I forse valgono come no
Non dite poi all’ultimo minuto che eravate in forse, ed è stato scorretto non contarvi. Se dite che FORSE venite, l’organizzatore può essere speranzoso, ma nessun locale o ristorante, quando vi chiede il numero delle persone, accetta 15 sicuri e 4 in forse: dovete dire un numero da 15 a 19. In generale è vero che un posto in più o in meno non fa differenza, ma se tutti ragionano così allora non si organizza mai nulla.

6. L’organizzatore ha una responsabilità sulle scelte
In conseguenza della regola 1 e 3, se tu NON sei invitato non puoi mettere in croce chi lo è perchè non ti ha invitato. E’ compito dell’organizzatore invitarti (o chiedere a qualcuno di farlo). E magari se non lo ha fatto un motivo c’è, che può essere banalmente che il numero di invitati è già alto o alcune persone non le vuole.

7. Una persona che organizza può essersi scordato di te
A volte ci sono cene numerosissime, e ci scappa che qualcun non viene invitato. Qualcuno di importante. Capita. Chi organizza a volte ha centomila persona da sentire, quindi non è cattiveria, sempre che non ricada nel punto 1, cioè che non ti ha voluto invitare apposta. Non creare problemi alla fine è la scelta migliore.

8. Alla fine è una cena
Se qualcosa va male non createne un dramma.

9. … e comunque, se sai fare meglio, organizza te la prossima volta

Molte di queste regole valgono anche quando non si parla di cena ma di qualsiasi altra cosa vada organizzata e richieda prenotazioni o acquisti anticipati.
Stay tuned!

Leave a reply

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>