Il 14enne seviziato…

Suoceradelkaiser_1_FAV

Immagine presa da qui.

Dunque, oggi sono solo in ufficio dunque passero’ tutto il giorno a scrivere. 😛
Volevo dire la mia sul famoso fatto del ragazzo sovrappeso a cui é stato infilato il bocchettone di un compressore nel culo ed é stato spappolato fegato e colon con l’aria compressa. Io non mi staro’ di certo a perdere nel commentare l’accaduto, chi non reputa questo fatto di una gravitá assurda merita che gli venga fatta la stessa cosa. E posso anche capire che un ragazzo di 24 anni vissuto in una famiglia del calibro della suocera, che a danno fatto ha anche avuto la bassezza di difendere l’accaduto parlando si “scherzo“, non abbia le capacitá mentali per rendersi conto del danno che sta facendo, nonostante la gravitá (e questo é anche il motivo per cui lo metterei in una clinica psichiatrica e butterei la chiave: domani che danni puo’ fare ai figli, dato che ne ha gia’uno di due anni?).

Non e’ dell’enorme stupidita’ del gesto, da delinquenti, che vorrei parlare. Ma della causa. La causa e’ l’essere stato sovrappeso. Ma vi rendete conto che in un mondo pieno di problemi come il nostro ci rivaliamo ancora sulle persone apparentemente diverse? Nessuno ferma un riccone che ha rubato da sempre e gli infila un compressore nel culo. Nessuno ferma un mafioso o un politico corrotto e gli infila un compressore nel culo.
Noi viviamo inclini a fare del male a chi é piú debole: il ragazzino di 14 anni (in 3 lo han dovuto seviziare), l’immigrato, la moglie, l’omosessuale. Creiamo dei mostri intorno a chi é diverso al fine di scaricare su di loro tutte le colpe.
Cosí, dopo l’alluvione dello scorso weekend a Genova, Forza Nuova con chi se l’é presa? Con gli immigrati che “non pulivano la cittá perché non é il loro territorio e quindi se ne sbattono“, basandosi su UNA foto di un ragazzo di colore che guardava gli Angeli del Fango mentre pulivano. Salvo poi aver ricevuto decine di insulti da parte di chi davvero stava pulendo la cittá aiutato proprio da quelli delle comunitá di immigrati.

Ci serve un po’ di sale in zucca. “Vivi e lascia vivere“. Gli immigrati non sono tutti il male, bisogna considerare che in una etnia ci sono persone buone e persone cattive come in tutte le altre, e anche se tale percentuale tra gli immigrati dovesse essere piu’ alta, proviamo a considerare che é proprio perche’ ne dispreziamo il lavoro il fattore che li porta a doversi procurare da vivere diversamente.
Perche’ le condizioni difficili le abbiamo anche tra gli italiani, tipo al sud, e dove ci sono situazioni difficili, anche tra gli italiani ci sono piu’ malviventi.
Meditate gente, meditate.
Stay tuned!

Leave a reply

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>