Breaking Bad – Prime considerazioni

Breaking_Bad_1_Fav

Immagine presa da qui

Ultimamente, negli scarsi periodi vuoti, ho iniziato a vedere la serie “Breaking Bad“, un telefilm già finito che mi posso godere dall’inizio alla fine senza dover aspettare che esca la serie nuova. Ho iniziato a vederlo perchè sembra che piaccia a tutti, così pensavo ne valesse la pena, e…
Ma partiamo dall’inizio, contando che comunque non l’ho ancora finito, anzi, sono a metà della seconda stagione (su cinque). Intanto per parlare dell’inizio, bisognerebbe sapere cosa vuol dire ‘Breaking Bad’. Il termine ‘break bad’ è slang del sud est America e significa cambiare uno stile di vita legale per uno criminale, di solito al costo della vita o del benessere di qualcun altro.
Infatti questo è principalmente il tema del telefilm, che nel sottotitolo italiano di “Reazioni Collaterali” non ci trova una ceppa, e non si sa come mai gli italiani a volte tendono a stravolgere i titoli in maniera inutile.

La trama: Walter White, ex scienziato chimico ora divenuto insegnante di chimica alle superiori, nonostante un passato che lo vedeva possibile miliardario per i suoi lavori, un bel giorno sviene dopo dei tremendi colpi di tosse. Si sottopone così ad alcuni esami e gli viene diagnosticato un tumore ai polmoni incurabile. Inizialmente decide di non farne parola con la famiglia. Scoperto dal cognato della DEA (la polizia antinarcotici) che i narcotrafficanti possono guadagnare parecchio denaro coi loro traffici, decide di seguirlo in una retata in uno dei covi dove alcuni trafficanti cucinavano cristalli di metanfetamine. Qui vede un suo ex studente, Jesse Pinkman, che riesce a sfuggire per fortuna alla retata, non visto. Lo ritrova e decide di mettersi nel ramo della vendita delle metanfetamine dividendo la produzione, in mano al professore, e la distribuzione, in mano a Jesse. Questo inizialmente al solo fine di lasciare alla famiglia i soldi necessari a coprire tutte le spese fino a quando i due figli saranno indipendenti, spese che lui stima, università compresa, in più di 700.000 dollari. In seguito tali soldi serviranno anche a coprire le costose cure mediche a cui lo stesso professore decide di sottoporsi

Il mio personalissimo giudizio: per quello che ho visto Breaking Bad è una merda! Non tremendo al 100%, ma comunque poco interessante, molto approssimativo. Ci sono dettagli fumosi, come il professore che ritrova Jesse perchè i suoi dati sono ancora nella scuola, ma Jese viene ritrovato nella casa della zia, che non è ben chiaro come possa risultare addirittura come prima scelta nel tentativo di rintracciamento. Oppure c’è un episodio che inizia col professore che esce da un palazzo in cui stanno accadendo delle esplosioni, ma poi il finale dell’episodio è ben diverso, l’esplosione c’è stata prima che il professore uscisse, ed è stata una.
Fin dove sono arrivato io adesso ci sono puntate che iniziano con un peluche in una piscina, prove di un qualche evento tra cui spiccano gli occhiali del professore, ma sono flashforward senza senso, dettagli che nemmeno ti puoi aspettare che vengano rispettati. Non è come Lost che quando introduceva qualcosa lo faceva perchè anche i personaggi erano all’oscuro di cosa fosse, qui sembra volerti dire “succede qualcosa in una piscina, ma lo vedrai molto avanti, forse te ne sarai anche dienticato“.
Una puntata inizia con dei tizi che escono fuori da una palude e uno dei due trova un oggetto. Alla fine dell’episodio si capisce che l’oggetto era lì per un motivo. Ma non chi sono quei due. E questi esempi solo per dare una idea.

Poi ci sono forzature della trama. Tantissime. Per esempio c’è un trafficante che manda all’ospedale Jesse e ammazza a mani nude un altro. Poi però quando deve morire, e vi assicuro che si capisce che deve morire, si fa fregare dalla schiena una pistola da Jesse mentre lo sta picchiando e si fa sparare. Poco credibile. Meno credibile è che poco dopo arriva il cognato poliziotto del professore e guarda un pò lo finisce, e non vede il professore e Jesse che corrono via a pochi metri di distanza.
C’è anche una strana combinazione quando questo boss ammazza a mani nude un suo subalterno, infatti non combaciano le tempistiche tra alcuni pedinamenti e un altro suo scagnozzo che muore in maniera stupida. Insomma, a mio avviso la trama fa molta acqua.
Per finire, questo chimico non è che faccia niente di che, facendo embrare i boss della mala tutti dei coglioni, i centri con sostanze chimiche sorvegliate da rincoglioniti… rubano una sostanza portandone via centinaia di litri a mano in due. A MANO!!! Ma cazzo, con le sirene che suonano qualcuno in una decina di minuti doveva arrivare, a piedi due persone in 10 minuti quanto spazzio coprono con centinaia di litri sulle spalle? Diciamo mezzo km? E nessuno li becca?

Insomma a mio avviso la trama aveva del potenziale, ma fino ad ora è stato deludente.
Stay tuned!

Leave a reply

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>