Cynthia Payne

Cynthia_Payne_FAV

Immagine presa da qui.

Dunque, essere in un ambiente multiculturale ti fa entrare in contatto con miti e leggende di altri paesi. Oggi infatti, mentre ero intento a sentire un inglese che bestemmiava in Italiano dicendo “E’ l’ora di Porca Ma***na” (vorrei fin da ora precisare che, come prevedibile, la sensazione che hanno gli stranieri nel bestemmiare è nulla, per loro è solo un simpatico tormentone, visto che in molti paesi la bestemmia non esiste), ho scoperto uno di questi miti inglesi.
Una donna, Cynthia Payne, che si diceva essere proprietaria di una casa chiusa, divenuta famosa nel ’78 quando i poliziotti entrarono in casa sua e trovarono una ammucchiata fatta di vecchi uomini vestiti con indumenti succinti femminili che venivano presi a schiaffi nel culo da giovani donne, previa pagamento in ticket restaurant di tali prestazioni.
A lei sono dedicati due film: “Wish You Were Here” (1987) ed quello più inspirato alla vita di Cynthia “Personal Services” (sempre 1987).
Stay tuned!

Leave a reply

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>